Ucraina, il card. Parolin: “Auspichiamo soluzioni negoziate”

A uniformed man, believed to be Russian serviceman, stands guard near a Ukrainian military base outside the city of Sevastopol

ROMA - Della situazione Ucraina ha parlato il segretario di Stato vaticano, il card. Pietro Parolin, intrattenendosi con i giornalisti a margine del convegno per i 40 anni dell’Istituto Jacques Maritain. Il servizio di Davide Maggiore:

L’inizio di un dialogo tra le parti: è la speranza espressa dal card. Parolin commentando l’appello per l’Ucraina lanciato domenica scorsa da Papa Francesco. Ascoltiamo le parole del segretario di Stato:

“È una situazione preoccupante, questo sì. Credo che tutti abbiano rilevato questo aspetto. Ecco, l’auspicio è che ci si possa parlare, come sempre: come sempre, noi auspichiamo che quindi si cerchino soluzioni negoziate. Io credo che in Ucraina si può cercare una soluzione in cui ciascuna delle due parti possa salvaguardare i suoi interessi e soprattutto salvaguardando i suoi interessi salvaguardare il bene del Paese e della sua popolazione”.

 

Il porporato ha poi proseguito commentando la possibilità di un dialogo tra Santa Sede e Patriarcato di Mosca su questo tema: “Io credo di sì, che anche su questo punto possiamo parlarci, è quello che noi desideriamo. Se è possibile portare un contributo anche a livello di relazioni interreligiose a favore del bene di quella popolazione noi siamo pronti a farlo e auspichiamo che si possa fare”.

Condividi questo articolo

PinIt